SEO e dilemmi: link building o content marketing?


La scelta migliore tra link building e content marketing è utilizzarli entrambi

Stategie SEO, strategie di posizionamento che sono fondamentali per il successo di un sito, per lanciarlo tra le prime posizioni di Google e conferirgli autorevolezza. Al momento, uno dei dilemmi che turba i pensieri degli addetti ai lavori riguarda la scelta di utilizzare il link building o il content marketing. Per prima cosa, bisogna capire bene cosa significare fare link building e content marketing e cosa esso rappresentano per la SEO.

Link building:una strategia SEO destinata a morire?

Quando parliamo di link building ci riferiamo al processo di acquisizione di link verso il proprio sito (i backlink), da altri siti che sono ritenuti autorevoli. Questa attività può essere svolta attraverso i commenti nei blog, il guest posting o lo scambio di link. Le modalità sono differenti e, se fatta in modo pulito e trasparente, la link building porta risultati con una certa sicurezza. Alcuni sostengono che sia una tecnica obsoleta e destinata ad essere messa da parte, rimpiazzata da nuove strategie.

Content marketing: potenziamento per la link building o suo successore?

Il content marketing è una tecnica utilizzata per la creazione e la distribuzione di contenuto di valore, rilevante e qualitativo, pensato per attirare e acquisire una definita audience. Si fa content marketing quando il focus è puntato sulla realizzazione di contenuto di valore, quindi nel caso di articoli per il blog, di video, di podcast, di infografica e di white paper. L’obiettivo è insomma quello di fare in modo che le persona vedano il contenuto rilevante, e potenzialmente utile, che si va a proporre. In questa ottica, dunque, il content marketing può essere visto come un ottimo strumento per potenziare l’attività di link building.

3 cose da considerare prima di pianificare strategie SEO

  1. Obiettivi: se ci si vuole concentrare sul breve termine, la link building è la strategia SEO più idonea, perché permette di ottenere risultati in tempi ristretti, ma non può fornire garanzie in futuro, proprio per il discorso che accennavamo prima, ovvero della sua possibile sostituzione con altre strategie. Per gli obiettivi a lungo termine, quindi, il content marketing sembra essere la scelta più giusta, perché non porta risultati immediati, ma di sicuro resterà una tecnica valida nei prossimi anni a venire.
  2. Tempo e risorse: se non è possibile creare contenuti come video, infografiche e podcast, la link building si configura come la soluzione più idonea, perché di fatto necessita di un link verso il sito e di un buon contenuto scritto da pubblicare su un sito autorevole.

Precisiamo: non stiamo dicendo che la link building comporta risultati immediati, mentre il content marketing richiede anni. È il processo di attuazione del content marketing a richiedere più tempo, proprio per il valore e la tipologia dei contenuti.

  1. Investire nelle persone: la link building, sebbene complessa e impegnativa, può anche essere svolta in autonomia, mentre il content marketing richiede la presenza di un team, con risorse che si occupino della creazione dei contenuti e di altre che invece pensino allo scouting e al rapporto con i clienti.

Quest’ultimo passaggio è molto importante, perché lanciarsi in una strategia SEO complessa come il content marketing ha poco senso non si investe su risorse umane, su un team che possa svolgere un lavoro completo e professionale.

Conclusioni

Quindi, alla fine, cosa bisogna fare? Quale strategia scegliere? Il consiglio per un posizionamento SEO di successo è utilizzare sia la link building che il content marketing. Sono entrambe tecniche valide e attuali, entrambe portano a risultati importanti se attuate secondo i criteri della qualità e della trasparenza: il segreto è il duro lavoro, accompagnato da un’ottima capacità di comunicazione. Oltre ad acquisire backlink sarebbe opportuno creare di tanto in tanto contenuti di rilievo, come e-book, infografiche, podcast, a seconda della tipologia di attività che si intende spingere. I post dei blog restano le basi, le fondamenta per un’attività di SEO organica.

Link building e content marketing possono lavorare fianco a fianco, anzi devono: passare da una strategia all’altra non solo non è sbagliato, ma è anche produttivo.

L’importante è capire quali risultati si vogliono raggiungere e quante risorse (in termini di tempo, soldi e persone) si vogliono profondere.

Se sei indeciso sulla strategia giusta da utilizzare e non vuoi correre il rischio di investire in attività poco produttive, puoi sempre affidarti alla competenza e all’esperienza di una web agency certificata, dotata di figure professionali preparate ad affrontare le diverse dinamiche del mercato.

Questo articolo ti è piaciuto? Votalo!
[Voti totali: 1 - Voto medio: 5]

Send this to friend